Quattro in cella per la sparatoria Colpita anche l’auto di un passante

Quattro in cella per la sparatoria
Colpita anche l’auto di un passante

Si è rischiato davvero che ci scappasse il morto nel pomeriggio da Far West nel parcheggio di piazza Pertini a Trescore Balneario, il parcheggio dell’ospedale, con le bancarelle del mercato appena levate e la gente in giro come fosse un normale pomeriggio d’agosto.

Uno dei quindici colpi esplosi nell’Ok Corral in salsa rom di martedì pomeriggio, la sfida a colpi di revolver tra Nicolini e Horvat, avrebbe centrato il vetro di un’auto che transitava per caso nel pieno della bagarre, evitando di colpire chi era al volante. Per ora gli arrestati sono quattro, tutti membri a vario titolo del gruppo Nicolini. Si tratta di due fratelli, Elvis e Kevin, della madre, Angelica Pellerini, e di un quarto uomo, Davide Carabetta, un ragazzo del Comasco estraneo al clan familiare, ma presumibilmente assoldato per l’occasione dal gruppo rom. I quattro avrebbero avuto un ruolo diverso nello scontro. Stando alle prime sommarie ricostruzioni una parte dei colpi esplosi sarebbero partiti dalla pistola calibro 7,65 usata dalla donna. Il resto dei colpi sarebbero stati esplosi da una seconda pistola, calibro 9x21, nel momento in cui l’appuntamento ha preso la piega prevista da entrambi i clan, arrivati sul posto preparati al peggio e attrezzati di conseguenza.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 10 agosto 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (12) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
c99a566d
Filippo de Rossi scrive: 10-08-2017 - 20:21h
Oramai ci siamo. La brava gente e' in minoranza. Gli altri si spartiscono fra di loro la ricchezza generata dagli affari loschi. Oramai viviamo come all'interno di un film americano, sparatorie per strada, morti, mafiosi, bande criminali e baby gang.
Aurelio Nessi scrive: 10-08-2017 - 17:07h
Cosa dobbiamo subire ANCORA ?
Francesco Duina scrive: 10-08-2017 - 14:28h
C'è una scarsa attenzione (da parte delle istituzioni preposte) a certe ostentazioni di sfarzo (ville hollywoodiane e automobili da centinaia di migliaia di euro, poi quando cascano nella rete per casi del tutto fortuiti si viene a scoprire che denunciavano al fisco poche centinaia di euro di reddito! Come ricordava Sherlock Holmes al suo fidato collaboratore: Watson lei guarda, io osservo!
giovanni calzaferri scrive: 10-08-2017 - 12:51h
Quanti commenti di solidarietà per i banditi non avrei mai immaginato che nel nome dell ideologia buonista si arrivasse a minimizzare le attività di pericolosissimi criminali ma del resto quello che sta succedendo in Puglia è frutto del buonismo e della sottovalutazione dei fenomeni criminali.
giobo93
Paolo Falcone scrive: 11-08-2017 - 05:24h
@Calzaferri: Riporti per iscritto le frasi che "minimizzano le attività di pericolosissimi criminali" e solo non trovandone, si renderà conto della baggianata sparata.
giobo93
Paolo Falcone scrive: 12-08-2017 - 20:07h
come volevasi dimostrare :-/
Vedi tutti i commenti