Montello prima in Europa Biometano prodotto dai rifiuti

Montello prima in Europa
Biometano prodotto dai rifiuti

Immesso in rete venerdì 30 giugno per la prima volta in Italia il gas naturale purissimo. Tecnologia e dimensioni uniche in Europa.

Cuocendo la pasta probabilmente avrete usato anche un po’ del metano biologico che viene prodotto dalla Montello Spa partendo dai rifiuti derivati dalla raccolta differenziata dell’organico, l’umido per capirsi. E gli scarti del vostro pranzo torneranno, grazie alla vostra raccolta differenziata, alla Montello dove verranno utilizzati per produrre altro metano bio. Un esempio unico di economia circolare, quella dove nulla va sprecato, dove tutto viene riciclato e riutilizzato. Il gas prodotto dalla Montello - leader a livello nazionale ed europeo nel recupero e riciclo della Forsu, la frazione organica del rifiuto solido urbano - tecnicamente si chiama “biometano”, cioè metano prodotto da fonti rinnovabili. La sua purezza raggiunge il 99,2 per cento, superiore a molto del metano che viene estratto dai giacimenti fossili.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 1° luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
s.messori
silvana messori scrive: 01-07-2017 - 16:49h
un mese fa circa, il Ministro Ambiente ecc,Galletti è venuto proprio a Montello e secondo voi per far cosa? con molta probabilità essendo una realtà, penso, addirittura prima in Europa, dovrà cercare di farne percepire la grande realizzazione di un progetto che indubbiamente dovrebbe essere tenuto in considerazioni negli sviluppi economici ed eco-sostenibili di tutta Italia! si potrà fare? io mi auguro di sì,... così, anche i nostri sprechi buttati nella pattumiera,(speriamo sempre meno nelle quantità) potrebbero essere considerati un "riciclo" da non "buttare"...
zetaf77
ivan milesi scrive: 01-07-2017 - 13:05h
Questo si che è un articolo interessante, da approfondire e far conoscere. E difatti nessuno lo commenta, specchio drammatico del lettore medio.