Annegato nel lago d’Endine Cristiani e islamici pregano insieme

Annegato nel lago d’Endine
Cristiani e islamici pregano insieme

Ultimo saluto a Vigano al ventunenne ivoriano morto nel lago a Spinone. Cristiani e islamici ai funerali. La bara portata a spalle dagli amici.

Bergamaschi e ivoriani insieme per dare l’ultimo saluto a Karim Traore, il giovane papà di 21 anni annegato domenica nelle acque del lago a Spinone. Il funerale è stato celebrato martedì 1°agosto al cimitero di Vigano San Martino. Traore abitava nel paese della Val Cavallina da un anno: era uno dei 25 richiedenti asilo ospitati nella struttura di accoglienza gestita dalla cooperativa Ruah. L’addio all’ivoriano è stato dato in un’atmosfera molto raccolta. I richiedenti asilo presenti alla cerimonia si sono stretti vicino al feretro coperto da un mazzo di gigli bianchi.

Qualcuno di loro ha immortalato quegli istanti commoventi con fotografie e video fatti con i cellulari. Poi si è entrati nel vivo della preghiera interreligiosa, islamica e cristiana. Presente don Claudio Visconti della Caritas diocesana insieme a Bruno Goisis, presidente della Ruah e a Federica Greca, coordinatrice della struttura di Vigano in cui Karim era ospitato. Don Claudio ha ricordato che «seppellire un morto significa avere fede, al momento della morte c’è l’incontro con il Signore».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 2 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (3) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
RosannaVavassori
Rosanna Vavassori scrive: 02-08-2017 - 11:35h
Se il ragazzo fosse stato un cristiano, i musulmani si sarebbero uniti alla preghiera?
Andrea Pontiggia scrive: 02-08-2017 - 13:12h
Sig.ra Vavassori taccia una buona volta, almeno davanti a un morto!
s.messori
silvana messori scrive: 02-08-2017 - 14:10h
in diversi casi ed anche eclatanti, come la giovane vittima dell'attentato a Parigi, ma anche nella nostra Terra Bergamasca... ma si sa che Lei, sig.ra Rosanna... è provocatrice per natura, ed a volte la vista non è così lunga nell'osservare ciò che succede, anche a due passi da noi!
bruno bettoni scrive: 02-08-2017 - 08:35h
Fosse questo il seme di un albero interreligioso la sua breve vita non sarebbe stata persa vanamente.
RosannaVavassori
Rosanna Vavassori scrive: 02-08-2017 - 11:36h
Si certo, come no.
Gino Roncalli scrive: 02-08-2017 - 08:22h
Che bello vedere uomini di religioni diverse accomunati insieme a pregare! E' così che dovrebbe essere sempre. La morte non fa distinzione di religione, e questo dovrebbe spingerci ad essere più solidali gli uni gli altri anziché passare una vita intera a farci la guerra ...
zetaf77
ivan milesi scrive: 02-08-2017 - 09:58h
Parole da pontefice. Che sia il cognome?
s.messori
silvana messori scrive: 02-08-2017 - 11:18h
Quando troveremo tutto ciò e anche altro, una cosa "normale" non ci saranno ne ci faremo più guerre tra esseri viventi!
Mariangela Brignoli scrive: 02-08-2017 - 11:57h
Lei sig. Milesi è il troll di questo sito per caso? Che commenti fuori luogo. Ha parlato il Bob Marley orobico...!
zetaf77
ivan milesi scrive: 04-08-2017 - 21:11h
No era un apprezzamento per le parole del Roncalli, ma non tutti posseggono le doti mentali per capirle.