Quel male raro e incurabile scacciato dai medici e dalla passione per il lavoro
Nadia Tombini

Quel male raro e incurabile scacciato
dai medici e dalla passione per il lavoro

Bastano pochi minuti di chiacchiere per capire che Nadia Tombini è così, non sta mai ferma, porta i suoi trentatré anni con un’allegria sbarazzina. La montatura degli occhiali è nera, grande, a forma di cuore, i riccioli scuri raccolti sulla nuca scappano dappertutto.

«Credo che per ogni evento l’uomo possieda un organo che gli consente di superarlo» scriveva Etty Hillesum, e questo è particolarmente vero per lei, che è riuscita a sconfiggere una forma rarissima di tumore alla ghiandola surrenale senza perdere la leggerezza. Ormai si sente come a casa sua nello studio di Maurizio Destro, responsabile della Medicina generale, al settimo piano dell’Ospedale di Treviglio, tra gli spartiti musicali appesi alle pareti, una sensazione ben diversa da quella che ha provato entrandoci per la prima volta ormai cinque anni fa, quando una strana febbre l’aveva spinta a cercare aiuto.

«Dal 31 dicembre 2011 – racconta – ho iniziato ad avere la febbre alta con una strana regolarità, ogni due o tre settimane. Pensavamo che fosse influenza, ma dopo il quinto episodio mia madre si è insospettita e ha chiesto al nostro medico di base di sottopormi alle analisi del sangue. Dai risultati si sono accorti subito che c’era qualcosa che non andava». Così Nadia si è rivolta all’ospedale di Treviglio: «Il dottor Destro mi ha prescritto altri accertamenti che io, però, ho rimandato, perché per me - non c’è niente da fare - viene prima il lavoro».

Nadia fa l’estetista e gestisce da sola il suo salone a Caravaggio: «Subito dopo la visita avevo in programma una settimana di corso di aggiornamento, poi è iniziato il periodo delle comunioni e delle cresime in paese quindi avevo tantissimi appuntamenti, non volevo deludere le mie clienti. Pochi giorni dopo, però, mi è tornata la febbre, quindi ho richiamato il dottor Destro e nel giro di due ore ero già ricoverata in ospedale». Qui è iniziato rapidamente il percorso degli approfondimenti diagnostici. «Mi hanno sottoposto a un’ecografia, eseguita dal dottor Mario Mattiello, che ha subito individuato il tumore». Col senno di poi, Nadia ha riconosciuto qualche silenzioso campanello d’allarme: «Ogni tanto sentivo un dolore, come un colpetto di pugnale, vicino allo stomaco. E incolpavo sempre lo stress. Mangiavo in fretta e male, pensavo che fosse quello. Purtroppo, però, non era così». Si sono susseguiti altri esami e in pochi giorni è arrivata la diagnosi definitiva. Subito dopo - il tempo era prezioso - Nadia ha conosciuto l’équipe del chirurgo Giovanni Sgroi, che ha avuto il compito di asportare il tumore.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 30 luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (3) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Mariangela Brignoli scrive: 04-08-2017 - 08:49h
Complimenti ai medici ma soprattutto a Nadia per la sua tenacia e vitalità nonostante questo male che avrebbe buttato a terra chiunque. Un esempio da ammirare. Auguri di una pronta guarigione.
vincenzo mombrini scrive: 30-07-2017 - 14:20h
Spesso si sente parlare d malasanita'. Un bel" bravi" a questi medici glielo diciamo? Siii, BRAVI !!!!!!!!!
buenavista727
Mirko Locatelli scrive: 30-07-2017 - 09:22h
Quando ho letto "per me viene prima il mio lavoro" mi sono arrabbiato ed ho pensato "ecco, la solita, odiosa, mentalità bergamasca che mette il lavoro sempre e comunque davanti a tutto e a tutti, anche alla salute". Però nel caso della signora sono più comprensivo perché è una lavoratrice autonoma e capisco che tutto il peso della sua attività di estetista (tasse comprese) gravi sulle sue spalle. Da lavoratore dipendente devo ammettere che provo un misto di ammirazione e incredulità per chi si mette in proprio al giorno d'oggi in Italia, io non lo farei mai. Già ti rendono la vita difficile quando stai bene, se poi ti capita una malattia come è successo a questa signora (e può succedere a chiunque), è una tragedia. I politici dovrebbero capire che questi individui che rischiano e si sbattono per aprire un'attività creando ricchezza e posti di lavoro (compreso il mio !) sono un capitale preziosissimo per una collettività e che bisogna aiutarli e valorizzarli in tutti i modi.