Facchetti conquista il Mondiale Da Treviglio a Tartu, un anno strepitoso

Facchetti conquista il Mondiale
Da Treviglio a Tartu, un anno strepitoso

È maturato in Estonia, a Tartu, il primo titolo iridato di Gianluca Facchetti. Il trevigliese, classe 2000, lo ha conquistato nel Fim Junior Motocross World Championship, evento che ha assegnato sia i titoli individuali junior che quello delle nazioni.

Esponente del Team Maddii Racing Husqvarna di Marco e Corrado Maddii, Facchetti si è presentato alla gara in gran forma facendo registrare sabato il miglior tempo e tagliando per primo il traguardo in ambedue le manche previste, in gara1 precedendo il danese Haarup ed il francese Strubhart Moreau, in gara2 superando il norvegese Horgmo e Haarup. Nell’assoluta ha prevalso così su Haarup e Horgmo, tra gli altri italiani nella 125 Matteo Puccinelli (Ktm) si è piazzato al 6° e Emilio Scuteri (Ktm) 8°.

Quest’anno Facchetti ha già vinto gli Internazionali d’Italia classe 125, si è imposto nella prima finale del Tricolore junior in Calabria ed è in lizza nel campionato europeo. Nel suo palmares figurano anche il titolo italiano junior conquistato l’anno passato, quando faceva parte del Team Ktm De Carli, lo stesso del campionissimo siciliano Tony Cairoli, neanche a dirlo il suo idolo (l’iridato ha la tabella numero 222, il bergamasco la 22). In sella da quando aveva 4 anni Gianluca, fratello minore dell’endurista Emanuele, è stato tricolore di minicross nel 2011 e nel 2013 mentre il suo anno no è stato il 2015 quando ha avuto un brutto incidente, travolto da un furgone parcheggiato senza freni.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 21 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
enricoloca
enrico locatelli scrive: 31-07-2017 - 19:02h
Bravo!!A Bergamo, che è terra di moto fuoristrada ,(abbiamo avuto ,e avremo dei campioni), non si capisce perché non esiste un impianto fisso di motocross o enduro.Se pensiamo che a Brescia ne hanno svariati impianti,da stradali,a cross...
Capellim.70
Massimiliano Capelli scrive: 31-07-2017 - 13:45h
Grande Gianluca, un giorno magari battaglierai con tuo idolo Tony.