Motorrad: Vespa
scooter dell'anno

Motorrad: Vespa scooter dell'anno

La Vespa Gts 300 Super
(Foto by RedazioneWEB)

Vespa, il brand che identifica ormai da tempo il made in Italy nel mondo, conquista un altro importante titolo: quello della categoria Scooter della «Moto dell'Anno 2012», premio bandito dal mensile tedesco «Motorrad», una delle più autorevoli testate giornalistiche di settore a livello mondiale.

Il riconoscimento è particolarmente significativo, in quanto scaturisce dalle preferenze dei lettori di Motorrad, che hanno partecipato numerosissimi alla 14ª edizione: sono stati infatti 39.084 i voti pervenuti in redazione - circa 11.000 in più dell'anno scorso - i quali hanno determinato la vittoria schiacciante di Vespa.

Il 20,4 % dei lettori ha votato per la versione Gts 300 Super, la più sportiva dei modelli Vespa in listino. Durante la cerimonia, svoltasi a Dortmund, è stato lo stesso direttore della testata Motorrad, Michael Pfeiffer a consegnare il prestigioso premio a Vespa. Premio che per altro replica quello dell'anno passato, quando sempre Vespa Gts 300 Super aveva dominato la scena.

Il trionfo del Gruppo Piaggio tra gli scooter è stato completato dal terzo posto conquistato del nuovissimo maxiscooter bicilindrico Aprilia SRV 850, con il 10,5 % dei consensi. La Gts 300 Super è la capostipite della sportività moderna di Vespa. La versione di 300 cc di Vespa Gts Super dispone della motorizzazione più potente che sia mai stata installata su Vespa: la sua indole è sottolineata non solo dalle prestazioni del monocilindrico a quattro tempi raffreddato a liquido, capace di erogare una potenza massima di 21,5 CV a 7.500 giri e una coppia massima 22,3 Nm a 5.000 giri, ma anche dall'inconfondibile stile sportivo che distingue la versione Super.

Viene introdotta la molla della sospensione anteriore di colore rosso e la verniciatura bicolore dei cerchi ruota, a richiamare quelli scomponibili d'un tempo. Inedita anche la mascherina anteriore, che rinuncia alla luce di posizione per guadagnare una griglia arricchita da elementi cromati. La scocca in acciaio, vera e propria anima di Vespa dal 1946 a questa parte, rimane naturalmente confermata, proponendo, sul lato destro sportive feritoie orizzontali, che richiamano le più belle Vespa del passato. In ossequio alla migliore tradizione corsaiola, la strumentazione è completamente analogica e accoglie indici bianchi su fondo nero.

© riproduzione riservata

Potrebbero interessarti
Oggi in Edicola

al cinema

Vivi Bergamo

SPM
PubblicitàSPM
SpecialiSPM
Pubblicità

I Comuni Bergamaschi