Ryanair, utili su del 55% In arrivo un taglio delle tariffe

Ryanair, utili su del 55%
In arrivo un taglio delle tariffe

Ma O’Leary invita alla calma: «Le entrate sono distorte dalla presenza delle vacanze pasquali» nel primo trimestre.

Sale oltre le attese l’utile trimestrale di Ryanair a 397 milioni di euro contro i 342 previsti e i 256 del primo trimestre dello scorso anno. Il traffico nel periodo è aumentato del 12% le tariffe dell’1%, ma il gruppo irlandese sottolinea che i numeri della trimestrale sono «distorti» dalle vacanze pasquali e mantiene così le stime per il 2017. Le previsioni indicano un utile annuale tra gli 1,4 e gli 1,5 miliardi di euro.

«Siamo soddisfatti di questa crescita degli utili del 55% nel primo trimestre ma è necessaria cautela perchè le entrate sono distorte dalla presenza delle vacanze pasquali». È quanto ha affermato il numero uno di Ryanair Michael O’Leary presentando i conti trimestrali. E ora gli irlandesi volanti, ledare del mercato low cost europeo, annunciano che le tariffe, aumentate dell’1% nel trimestre appena concluso, sono destinate a calare dell’8% nella seconda parte del 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (9) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Maurizio Bertulessi scrive: 24-07-2017 - 17:43h
Quello che non risulta distorto ma assolutamente reale sono : L'aumento di inquinamento L'aumento di disturbo acustico Il fatto che Bergamo diventa una "RYANAIR dipendente" Il fatto che a noi che dobbiamo sopportare il passaggio di centinaia di aerei al giorno non venga nessun profitto ma solo fastidio e disturbo. Il fatto che nessuno ci abbia mai chiesto se tutto ciò lo volevamo ma lo dobbiamo subire e basta! In fondo se per prendere un volo 1 o due volte l'anno dovevo andare a Malpensa senza dovermi subire quanto sopra descritto...be...ne valeva la pena e farei volentieri cambio. Non venitemi a parlare dei posti di lavoro...dei vantaggi (quali) che l'aereoporto ci ha regalato. Quando ero ragazzo in bicicletta facevo il giro dell'aereoporto allora miltare, in completo disuso. Non dava nessun fastidio e nessun problema ed era una piacevolissoma gita. Chi è stato quel furbo che ha avuto l'idea di trasformarlo in aereoporto civile con tutti quelli che già ci sono ??
Leoluca Zambetti scrive: 25-07-2017 - 08:42h
più che altro di renderlo il terzo aeroporto italiano quando tra malpensa, linate, orio, montichiari e verona ci sono 194 km: un aeroporto ogni 38 km. non si poteva scegliere un contesto più adatto per sviluppare il terzo aeroporto italiano? non venite a dire che non si poteva prevedere. quale azienda non fa piani di sviluppo a medio e lungo termine? enac è complice della situazione e il ministero dell'ambiente se ne lava bellamente le mani
Luca Brischetto scrive: 24-07-2017 - 16:39h
I super managers Italiani si arrampicano sui vetri per nascondere, o giustificare le perdite delle aziende che gestiscono ed amministrano. Quelli denigrati stranieri buttano acqua sul fuoco relativamente ai grossi incrementi di affari delle loro aziende. Sarà un caso che poi le aziende vanno come vanno ? PS : chi denigra Ryanair, ha pur sempre alternative, eppure poi......
leonardo18z
Leonardo Zambetti scrive: 24-07-2017 - 23:52h
Poi cosa?
paolo macario scrive: 24-07-2017 - 15:47h
+55% di aumento tariffe sull'italia l'estate...
Pierre Chevalier scrive: 24-07-2017 - 19:04h
In CHIARO esempio X il disastro Alitalia!!!!
Mario Moretti scrive: 24-07-2017 - 15:46h
O'Leary fa il suo mestiere... è un azienda privata operante con le regole UE, che vuole massimizzare i profitti (anche FCA se n'è andata dal bel paese, sede legale NL, fiscale UK) e non è certo una green company. Come biasimarlo? Il punto è un altro... e tutti sanno qual'è. Non è certo Ryanair la colpevole per i voli "radenti".... Poi che qualche regola andrebbe riscritta, concordo.
Leoluca Zambetti scrive: 24-07-2017 - 16:22h
non ci sono dubbi. quello che fa schifo è che enac, organismo italiano preposto al controllo, abbia permesso a sacbo di arrivare a questo punto. per non parlare del ministero dell'ambiente.
Vedi tutti i commenti